Il Blog del Della (2005 – 2010)

Libertà di espressione e collaborazione, dall'Open Source al Social Networking. Pensieri e informazione da Daniele Dellafiore.

MacWorld 2008: sfila il MacBook Air. Intorno, il nulla.

Il CES è stata un po’ una delusione ed ero convinto anche che da solo il MacWorld avrebbe fatto molto più rumore. Questo è stato vero in un certo senso, durante lo Speech di Steve Jobs è persino venuto giù Twitter.

A parte questo però non è che nemmeno al MacWorld si siano visti grandi annunci. Forse la cosa che fa più notizia in queste ore è proprio la mancanza di carne al fuoco di un certo spessore.  A parte naturalmente il MacBook Air che suscita scalpore, emozione, ammirazione o disprezzo a seconda di come viene visto.

La mia opinione è che va valutato in termini di “sto creando una tendenza, sto segnando una strada” cosa che nessuno meglio di Apple, in questo campo, può permettersi (e riuscire) di fare oggi.

Parliamoci chiaro: 3000 dollari per una macchina che non può essere usata realmente per lavoro, che è così più avanti del mondo reale senza la presa ethernet e senza il lettore ottico… sono tantissimi.  A molti certamente questo genere di limitazione non può andare giù. Già ma il punto è che non è i “molti” cui si rivolge Air oggi, gennaio 2008, bensì pochi. Pochissimi privati che possono spendere in leggerezza quei soldi (che si disinteressano totalmente della reale utilità dell’oggetto.

Soprattutto però l’oggetto si rivolge al mercato in generale e a quei pochi che sanno interpretare i trend. Il MacBook Air è lì per dire: “ok, è il 2008, vediamo di capire che dobbiamo smetterla con i lettori ottici, sono una tecnologia superata e insopportabile, BASTA! Basta con i dischi magnetici, vogliamo i dischi a stato solido e chi se ne frega se 64 mega sono pochi tanto chi ancora tiene i propri dati pesanti sul portatile? Disco esterno, storage in rete, avanti siamo realistici e poi BASTA FILI, non ne vogliamo più sapere”.

Questo è quello che il mercato o meglio quella fetta di utenti sempre desiderosi di avere gadget e strumenti più all’avanguatrdia stanno chiedendo a gran voce. Per fortuna Apple segna la strada, tira una riga con il passato e fa sì che tutti gli altri debbano per forza di cose stare al passo.

Probabilmente nei prossimi mesi vedremo uscire delle versioni meno estreme e più adatte alla realtà del 2008 ma indubbiamente questo darà uno scossone facendo capire agli altri quanto sono “indietro”. Almeno io lo spero, è così desolante guardare quanto sono orribili e vecchi i portatili che si trovano in giro…

Per il resto, calma piatta. Nessuna novità sui MacBook Pro e pazienza. Qualcosina sul versante iPhone e iTouch ma in quel settore le novità più interessanti vengono dai software sviluppati dalle famose “terze parti” o da componenti aggiuntivi (microfono e GPS) sempre sviluppate da azienda. Parlerò di questo nei prossimi giorni quando avrò la possibilità di colladare di persona qualche applicazione.

Insomma, poco di nuovo, considerato poi che nè la Apple TV nè tantomeno l’ennesimo super proprietario sistema di distribuzione contenuti cinematografici può nemmeno lontanamente incuriosirmi, ecco che la cosa più bella trovata in giro diventa la riduzione a 60 secondi dello speech di 90 minuti di Steve Jobs.

4 risposte a “MacWorld 2008: sfila il MacBook Air. Intorno, il nulla.

  1. Filippo gennaio 16, 2008 alle 9:12 pm

    Ero giusto un po curioso di vedere se Apple avrebbe estratto qualcosa di paragonabile all’eeepc.
    Se è come sembra, Asus se ne è venuta fuori con qualcosa di interessante, e con una piattaforma hw e sw veramente aperta ed estendibile (senza il rischio di essere denunciati o “disattivati”).
    Apple ha risposto, come altre volte, con molto fumo e poco arrosto.

  2. Folletto Malefico gennaio 17, 2008 alle 2:35 pm

    Sono d’accordo più o meno su tutto l’articolo, però:
    “3000 dollari per una macchina che non può essere usata realmente per lavoro”

    Non lo ritengo propriamente esatto:
    1. Costa 1699.
    2. Ha dentro un Core 2 Duo a 1.6Ghz di base.

    Per il punto (1), beh 1699 sono ben diverse da 3000. Questo non significa che venderà tanto, ma è comunque una prospettiva ben diversa. Io a 1699 ci ho pensato un istante se poteva fare al caso mio, a 3000 non ci avrei neppure provato.🙂

    Per il punto (2), credo di non esagerare quando dico che per il 90% delle persone il picco massimo di consumo della CPU è quando guardano un DivX. Anche persone che sono utenti attivi con una ottima conoscenza informatica spesso non superano il 30% del consumo di CPU, con una media intorno al 5%. Per questo motivo un Core 2 Duo è più che sufficiente nella stragrande maggioranza dei casi.

    Che poi diciamola tutta: le persone NON cambiano computer per la CPU, tranne che nel caso dei videogiocatori.🙂

  3. ildella gennaio 17, 2008 alle 8:57 pm

    Filippo: eeepc è un progetto interessante e ammirevole, ma non ricade proprio nella cagetoria di Air. E’ un subnotebook. Air non è una macchina da lavoro e quindi la differenza forse sta solo nel nome, però è più piccino, caratteristiche anche prestazionali diverse.
    Anche eeepc segna un bel passo avanti, un’idea nuova e decisa… Forse mi interessa meno in quanto è nettamente troppo “piccolo”, come caratteristiche tecniche proprio, non tanto come dimensione. E’ un ibrido palmare-ultraportatile che non so a quanti davvero possa interessare proprio come tipologia di prodotto, al di là dello specifico oggetto.

    Ciò detto sì, Air molto fumo però… è proprio il genere di fumo cui mirava, quello delle grandi passerelle. Dopo tutto è la sua ragione di esistere no? Se avessimo voluto una proposta più reale… chiedevamo a Dell o qualcun altro di quel tipo🙂

  4. ildella gennaio 17, 2008 alle 9:00 pm

    Folletto: sì ok, ma la versione da 1600$ con il disco da 4200… dai non è nemmeno da prendere in considerazione. Oddio forse sì, tanto comunque lavorarci non ci lavori comunque, e per fare il figo è sufficiente quello… Mah… è che tanto non mi interessa, mi sa che dovrò presto iniziare a pensare a un portatile da lavoro e con mio grande dolore mi sa che non avrò un SSD😦

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: