Il Blog del Della (2005 – 2010)

Libertà di espressione e collaborazione, dall'Open Source al Social Networking. Pensieri e informazione da Daniele Dellafiore.

Il bicchiere, il fiume, la riva e il cadavere.

Sinceramente, non posso nemmeno dire di essere particolarmente felice. In realta’ uno dovrebbe essere felice. Felicita’ non puo’ esistere solo per momenti di soddisfazione intensa o inaspettata. Anche momenti di serena contemplazione possono essere definiti momenti felici.

“Autorizzare Napster dieci anni fa non era la soluzione, ma fargli causa non ha prodotto alcun risultato”

Napster, capostipite del file sharing

Ci sono voluti dieci anni, oppure sono bastati solo dieci anni. Scarsi. Dal giugno del 1999 al gennaio del 2009, un continuo cammino fatto di passi inevitabili, oggi possiamo finalmente dire compiuta una delle prime e piu’ grosse vittorie della generazione cui appartengo.

E’ piu’ di un anno che non parlo piu’ di questioni inerenti alla liberta’ della diffusione della musica e della cultura, tema centrale del mio discontinuo blog nel 2006 e 2007 quando il dibattito era diventato feroce, alla luce degli ultimi disperati tentativi di ritardare il piu’ possibile l’inevitabile morte da parte della anacronistica industria discografica di questo inizio secolo. Non staro’ quindi a riprendere oggi concetti e opinioni oramai datate visto in passato ne ho parlato un sacco, anche se a rivedere tutto oggi forse posso individuare un paio di articoli che spiccano sugli altri.

“Chiaramente abbiamo fatto degli errori, siamo stati tecnofobici, non abbiamo saputo cogliere le opportunità.”

Il momento dello stacco

Andiamo avanti e la domanda, altrettanto inevitabilmente e’: “E ora? Il prossimo passo?”.

Quanto e’ successo all’industria discografica in questo decennio e’ lo specchio di quel che succedera’ a quasi tutti gli altri settori nei prossimi due. Sta gia’ accadendo e’ chiaro ma pochi sono stati cosi’ violentemente presi a schiaffi come l’industria della musica nello scorso decennio da quello che era naturalmente e semplicemente possibile ottenere con la tecnologia a disposizione. Sono stati rimessi in discussione principi radicati da decenni nella societa’ e sono stati sconfitti da una superiorita’ talmente schiacciante che nessuna manovra mediatica avrebbe potutto limitare i danni.

“Il file sharing on line va trasformato in un opportunità, in una fonte di ricavi”.

Naturalmente tutto si ricicla, i piu’ bravi ne sono gia’ usciti da tempo ma il punto non e’ tanto che ora si sta meglio e prima peggio: il punto e’ il cambiamento, inevitabile, e la sconfitta di chi vuole ritardarlo. Qui non si questiona sul fatto che il vecchio e il male siano stati tali mentre arriva ora il movimento del buono definitivo. E’ solo il movimento inesorabile del tempo, che porta a cambiamenti e nuovi dominatori che andranno a loro volta a soccombere quando verra’ il loro, di tempo.

E allora possiamo solo sperare che noi o chiunque altro quel giorno si trovera’ la’ nella posizione di decidere, sara’ in grado di capire e agire meglio di quanto non abbia fatto chi c’era negli anni passati.

Ora, comunque, godiamocela e festeggiamo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: