Il Blog del Della (2005 – 2010)

Libertà di espressione e collaborazione, dall'Open Source al Social Networking. Pensieri e informazione da Daniele Dellafiore.

FriendFeed e Twitter nel 2009

Come seguire l’informazione in Rete? Come promesso tempo fa, voglio parlare a chi e’ affascinato dalla possibilita’ di seguire eventi, conoscere persone che dicono cose che lo interessano e soprattutto, ricevere informazione attraverso la Rete e non attraverso i media piu’ classici. Alcuni sanno come fare, per altri e’ un grande mistero.  Ecco una visione attuale dei due principali servizi in tema di quelli semplici, immediati e, sorpattutto uno, destinato ad essere la piu’ grossa “social bomba” in Italia nel prossimo anno.

FriendFeed sembra evolversi, almeno nel mio network di persone, verso una versione moderna dei forum tematici, con la discussione che si spande a macchia d’olio attraverso i contatti, prescinde dal tema e offre una estrema semplicita’ di integrazione di altri servizi Web. Twitter si prepara a sbancare nel mercato del marketing, customer support, notizie e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Per FriendFeed non prevedo molto altro mentre Twitter, o per lo meno il modello Twitter, avra’ a mio dire un ruolo centrale e un’impatto epocale nel prossimo lustro in Rete.

friendfeed-snapshot.png

Non so piu’ quando mi sono iscritto a Twitter mentre ricordo di avere iniziato con FriendFeed nel periodo di beta privata gia’ alla fine del 2007. Raccogliere lo stream di azioni, le impronte che lasciamo sul Web e’ contemporaneamente semplice e potente e viene rapidamente percepito dagli utenti. FriendFeed e’ stato piu’ infatti rapidamente infestato da persone a me prossime, a mio modo di vedere complice soprattutto  l’idea dei “commenti”.

Si segue piu’ o meno come un Twitter ma la possibilita’ di fare i commenti e di marcare con un “I Like” sono risultati vincenti per far emergere discussioni e per far saltare all’occhio gli “input” piu’ rilevanti. I messaggi arrivavano dall’esterno spesso: una foto su flickr o un video su youtube, lo status di facebook o di Twitter che cambia, un link segnalato come interessante, un post su un blog o appunto un semplice commento a uno qualsiasi di questi messaggi. Gli “I Like” e i commenti sono un’idea talmente buona che nell’ultimo anno Facebook si e’ affrettato a copiarli aggiungerli, modificando l’orrenda comunicazione wall to wall del Facebook degli esordi.

mytwitter.png


Cosa sta diventando invece Twitter?
Anche qui ci sono scambi e piccole discussioni ma meno facilmente tracciabili. Tipicamente si leggono i “twit” come si legge lo stato di Facebook solo in un posto piu’ ordinato e con meno rumore.  Twitter e’ soprattutto diventato  il posto degli annunci brevi, di qualsiasi genere: dal semplice status di una persona all’annuncio di una novita’ su un qualche sito (nuovo post su un blog) fino a venire usato come vero e proprio strumento di marketing sia aziendale che personale, o ancora di customer support e per ipnotici esperimenti tipo twistori.

Il meccanismo funziona perche’ e’ rapido e trasparente,  e’ sufficientemente breve perche’ non infastidisca, al limite si scorre la pagina. Su Friendfeed e Twitter vale il “non si legge tutto per forza”. Si scorre e qualcosa resta, il resto passa  pazienza, tanto e’ inevitabile e se la notizia e’ davvero importante, prima o poi sara’ lei a raggiungere noi.

L’idea dei 140 caratteri e’ vincente al pari di quella di portare gli utenti a presentarsi con nome e cognome reali su Facebook.
E’ un  messaggio per natura piu’ informativo del subject di una email pur restando sostanzialmente ugualmente rapido da leggere e permette una piu’ accurata selezione di cosa approfondire. La recente abitudine  di inserire dei #tag su cui si sviluppano altri servizi come tagalus, cosnente poi di tracciare discussion tematiche, uscendo dal proprio network per poi allargarlo.

Cosi’ facendo possiamo sentire quello di cui parla molta piu’ gente, restare piu’ informati, con meno fatica.

Ora, che vi convinca o meno tutto questo discorso, restano alcuni fatti: un +1300% di utenti negli ultimi 12 mesi per Twitter, senza contare una innumerevole quantita’ di applicazioni a supporto e altre pronte ad usarlo per sfturrarne le caratteristiche piu’ avanzate: tracking dei trend, ricerca, collaborazione, supporto clienti e quant’altro e un numero spaventoso di “imitazioni” che applicano il modello twitter alla musica, al business two business, al lavoro… Tutti servizi che come Twitter svolgono una sola funzione e tentano di farla bene, approccio opposto ai “Facebook” che si propongono come mastodonti mainstream pronti a offrire tutto in un pacchetto completo.

Il discorso “Twitter” sul medio-lungo periodo meritera’ un articolo a parte in quanto per vaneggiare di “post google era”, serve spazio e concentrazione.

Una risposta a “FriendFeed e Twitter nel 2009

  1. Pingback:Rete di Servizi e Posto Google Era: quando il trend supera la storia | Il blog del della

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: