Il Blog del Della (2005 – 2010)

Libertà di espressione e collaborazione, dall'Open Source al Social Networking. Pensieri e informazione da Daniele Dellafiore.

First, you copy. Then, you buy. Then… you win?

Lo so, l’articolo non e’ in tema con Dellaviv ma mi fara’ bene pensare ad altro per almeno il tempo dell’articolo. Inoltre l’occasione e’ ghiotta.

Iniziamo da lontano. Negli anni 90 c’era Geocities. Faceva schifo ma era un embrione di sito-community, tutti potevano avere la loro pagina, tutti potevano mettere il logo lavori in corso animato e addirittura uno splendido orologio digitale fatto in Flash. Faceva schifo ma erano gli anni 90 e tutti erano contenti.

Poi e’ arrivato MySpace che fa schifo e basta, ed ha avuto l’unico pregio di permettere a chiunque di mettere in bella mostra qualche sua canzone.

Ecco che quindi e’ arrivato Facebook che, indovinate un po’, all’inizio faceva pena. Non faceva schifo come MySpace anche se a un tratto il Wall iniziava pericolosamente a sembrare un obbrorbrio alla MySpace, ma era stupido forte. Il sistema iniziale di comunicazione wall to wall e’ stato probabilmente il peggior esempio di comunicazione mai apparso sulla Rete. Poi pero’ hanno comprato Mark Andresen e le cose si sono raddrizzate. Intendiamoci, e’ ancora un chiodo lentissimo e popolato per lo piu’ da giochi idioti ma non ci si puo’ fare nulla, e’ un aggeggio mainstream e avra’ sempre piu’ rumore di quanti filtri ci si possa inventare. Resta una colossale rubrica di contatti, punto.

Come si sono raddrizzate le cose in Facebook? Semplice, hanno iniziato a copiare qualcun altro, qualcuno che non ha avuto un paio di intuizioni geniali che invece Zuckerberg o qualcuno per lui ha avuto all’inizio (tipo abituare a inserire nome e cognome invece del nick), ma che era pero’ un bel po’ di spessore in piu’ e infatti hanno creato un servizio meno conosciuto ma comunque stra noto e che nei fatti ha definito le linee guida per la comunicazione su Web. Il Web in real time che Google e Facebook stanno continuamente cercando di copiare.Google direi quasi “disperatamente”. Be’, lo hanno inventato questi qui.

Cosi’ Facebook nell’ultimo anno ha iniziato sempre piu’ ad assomigliare a FriendFeed. Per essere precisi, Facebook ha quasi trasformato la sua Home in quella di FriendFeed: aggiornamenti in semi-real time, sistema di like eccetera. Quasi perche’ c’erano una serie di limiti intrinseci di Facebook, non ultimo il suo essere un chiodo, che non gli hanno permesso e non gli permetteranno mai di diventare semplici, rapidi ed eleganti come il serivio fondato dai quattro tizi (a destra) nella foto. E ora Zuck, il tizio a sinistra, dopo averli copiati, li ha comprati.

Che dire. Il popolo di FriendFeed ha reagito malissimo alla notizia. Personalmente, non posso dire di essere contento ma da un lato forse era inevitabile, dall’altro non  credo che ci sara’ qualcosa come una fusione dei due servizi e men che meno funzionalita’ di Facebook andranno mai a sporcare FriendFeed, nonostante gia’ si faccia ironia su questa eventualita’. Piu’ probabile e’ che  tutto vada  avanti come prima, si fara’ evolvere ancora Facebook nella direzione di FriendFeed il quale continuera’ comunque ad essere un paio di passi avanti, il campo di prova per le novita’, testato su un gruppo di utenti piu’ ristretto ma molto piu’ tech savy. In sostanza, cambia solo chi paga lo stipendio a quei tizi e che a copiare le cose da FF a Facebook saranno piu’ direttamente quelli che le hanno ideate la prima volta.

La speranza insomma  e’ che FriendFeed resti lo stesso e Facebook migliori, come ha indubbiamente fatto dopo l’arrivo di Andresen, anche dopo l’introduzione di questi signori.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: